The News From the World Press

«Evoluzione! Scienza! E Creazione!»

24 Heures, Svizzera

La sezione dei commenti del numero del 31 marzo 2007 del quotidiano svizzero 24 Heures riporta un articolo dal titolo  «Evoluzione! Scienza! E Creazione!» L'articolo, scritto da un esperto di temi dell'educazione dal nome di François Berger, parla dell'impatto dell'Atlante della creazione di  Adnan Oktar, scritto sotto lo pseudonimo di Harun Yahya, in Svizzera e in tutta Europa. Berger descrive così l'opera:

«Appoggiandosi a brani coranici, un turco di nome  Harun Yahya ha mostrato gli impressionanti tratti dell'uomo e la natura immutata degli animali dal momento della loro prima creazione fino al giorno d'oggi.»


"Un libro rosso confuta la tesi di Darwin"

Le Soir - Belgio

L'edizione del 5 marzo del 2007 di  Le Soir, uno dei principali quotidiani del Belgio, contiene un articolo che parla dell'impatto globale dell'Atlante della creazione di  Harun Yahya.
Sotto il titolo "Un libro rosso confuta la tesi di Darwin", l'articolo descrive il libro di Harun Yahya come "l'opera di un genio". Sottolinea come  Harun Yahya sia diventato noto, nella sua qualità di autore, a tutte le istituzioni scientifiche in Francia e in Belgio  nel giro di poche settimane e parla dell'enorme impatto che ha avuto. L'articolo spiega come l'autore abbia condotto uno studio comprensivo, "usando prove chiare", per rivelare come l'evoluzione non abbia mai avuto luogo. Tra l'altro, l'articolo dice:

  • "Il libro attira subito grazie alla sua impaginazione"
  • "Harun Yahya confronta fossili di milioni di anni fa con le specie attuali. I confronti illustrati dimostrano che la teoria dell'evoluzione ha finalmente perso ogni validità".
  • "Stampati su carta lucida, questi libri sono stati tradotti in 57 lingue. Si può accedere gratuitamente a questi libri su Internet. E le opere compaiono in oltre 200 siti. Le opere di Harun Yahya sono sterminate.

"L'Atlante della creazione" in Svizzera

Le Temps, Svizzera

Il numero del 29 marzo 2007 di Le Temps, uno dei principali quotidiani svizzeri, ha pubblicato un articolo intitolato "Il creazionismo islamico ha raggiunto adesso la Svizzera", scritto da Olivier Dissibourg.

L'articolo prende in considerazione gli effetti che ha avuto in Svizzera l'Atlante della creazione di Harun Yahya, che ha avuto un grande impatto in tutto il mondo. Prosegue dicendo che, dopo essere arrivato in Francia, l'Atlante della creazione è stato mandato a un gran numero di accademici in Svizzera. Prosegue descrivendo il libro in questi termini:

In oltre 770 pagine, l'autore, un musulmano turco, sostiene di aver rivelato "gli inganni degli evoluzionisti". Il metodo impiegato è semplice: si accostano fossili di pesci, insetti o mammiferi, molti dei quali vecchi di milioni di anni, a simili esemplari viventi oggi. Il risultato: il confronto visivo dimostra che le due creature sono identiche per cui, contrariamente a quanto teorizzato da Darwin, nessuna specie, nemmeno quella umana, ha mai subito l'evoluzione. Lo stesso messaggio creazionista viene diffuso in centinaia di pagine.

Inoltre, l'articolo menziona la presentazione tecnica del libro, dicendo che "la sua copertina è decorata da un ologramma in plastica, stampato su carta lucida e tradotto in diverse lingue".

L'articolo descrive anche altre opere dello stesso autore:

Citando come prova il Corano, nel corso degli ultimi 20 anni, l'autore ha prodotto opere sulla creazione della Terra, la fede e la politica, tradotte in 57 lingue.


Si diffonde la credenza nel creazionismo in Francia

Reuters, Tom Heneghan
26 marzo 2007

Un dispaccio del 26 marzo 2007 dell'Agenzia Reuters, firmata dall'editore religioso Tom Heneghan, è stato ripreso in diversi quotidiani e riviste, tra cui  The Washington Post, Science e USNews. Il dispaccio parlava dell'impatto che ha avuto in Francia l'Atlante della creazione di Harun Yahya, un testo di 700 pagine.


 

I nostri materiali possono essere copiati, stampati e distribuiti facendo riferimento a questo sito: Harun Yahya International © 2007. Tutti i diritti riservati.